“NFT” scelta come parola dell’anno: affrontala

Posted on
Ingrandire / Collins ha pubblicato questo .gif per aiutarti a capire quanto possono essere non banali gli NFT.

Collins

Forse la cosa migliore è derivata dalla diffusa adozione di quest’anno del termine “Token non fungibile” (NFT) è un maggior conforto pubblico con la parola “fungibile”. fungibile, anche se suona come una polvere per i piedi.

Ora, il produttore di dizionari Collins ha scelto NFT come “parola dell’anno” per il 2021, soprattutto perché le persone stanno guadagnando SRS $$$ dalla tecnologia basata su blockchain. Una di queste persone è ovviamente l’artista che si fa chiamare “Beeple”; la sua collezione di oltre 5.000 opere d’arte digitale di tutti i giorni è stata di 69 milioni di dollari all’inizio di quest’anno, che ogni articolo successivo sugli NFT doveva menzionare. Questa vendita ha reso Beeple uno degli artisti più pagati al mondo. Il New York Times non mi è piaciuto, sostenendo che l’immaginario grossolano e basato sui meme di gran parte del lavoro di Beeple era puerile. Inoltre, Beeple “lotta con la carne; come in molti videogiochi, le pelli appaiono cerose e disseccate. È come se ogni essere umano rimasto in questo criptouniverso avesse lo scorbuto, anche se forse è quello che succede quando subordini la tua carne allo schermo”. Accidenti. Anche se sono d’accordo che questo è stato un modo piuttosto stupido di spendere $ 69 milioni, le NFT hanno sicuramente utilità; per esempio, immagina quanto sarebbe divertente comprare a questo critico un NFT di un meme “OK Boomer” di alta qualità?

Per quanto riguarda ciò che sono in realtà gli NFT, la mia spiegazione probabilmente si perderebbe in uno sproloquio sull’efficienza energetica e sulla natura dell’originalità nell’era digitale. Prima che tu te ne accorga, anch’io parlerei di “scorbuto”. Quindi lascerò che Collins prova a spiegare le cose:

Collins definisce [NFT] come “un certificato digitale unico, registrato in una blockchain, che viene utilizzato per registrare la proprietà di un bene come un’opera d’arte o un oggetto da collezione”. In altre parole, è un pezzo di dati digitali che registra a chi appartiene un’opera digitale. “Unico” è importante qui: è una tantum, non “fungibile” o sostituibile con qualsiasi altro dato. E ciò che ha davvero catturato l’immaginazione del pubblico riguardo alle NFT è l’uso di questa tecnologia per vendere arte. Ad esempio, i diritti su un’opera dell’artista digitale surrealista Beeple sono stati venduti da Christie’s a marzo per 69 milioni di dollari. Chiamato EVERYDAYS: THE FIRST 5000 DAYS, era un collage di tutte le immagini che aveva creato da quando si era impegnato nel 2007 a realizzarne una ogni giorno.

Capito quello che intendo? C’è di nuovo Beeple.

Collins ha pubblicato questo .gif per aiutarti a capire quanto possono essere non banali gli NFT.
Ingrandire / Collins ha pubblicato questo .gif per aiutarti a capire quanto possono essere non banali gli NFT.

Collins

Le NFT possono creare divisioni: liberano gli artisti fornendo nuovi modelli di business o sono solo un altro pozzo di soldi, il Pets.com (1998-2000, RIP) del nostro tempo? Ma penso che possiamo essere tutti grati che “NFT” abbia battuto “cheugy”, una parola così effimera che ho già dimenticato cosa significa.

Per quanto riguarda la Oxford University Press, leggermente più seria, la sua parola dell’anno era “vax”. Basta guardare questo grafico di utilizzo, che ricorda un grafico dei casi di COVID nel suo forte movimento al rialzo quest’anno:

Visualizzazione del grafico della Oxford University Press "cera" utilizzo in aumento nel 2021.
Ingrandire / Grafico della Oxford University Press che mostra l’aumento dell’utilizzo di “vax” nel 2021.

OUP

Quindi, se non vuoi essere goffo questo Ringraziamento, aggiungi “vax” e “NFT” ai tuoi tesori di parole, amici amanti della lingua. E per favore unisciti a me nella mia ricerca per rendere l’aggettivo dell’anno del 2022 “post-pandemia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *