Activision svela il sistema anti-cheat Ricochet per Call of Duty

Posted on

Unisciti ai leader del gioco online al GamesBeat Summit Next il prossimo 9-10 novembre. Scopri di più su cosa verrà dopo.


Activision ha presentato il suo sistema anti-cheat Ricochet per Call of Duty giochi mentre cerca di attaccare a problema di imbrogli di vecchia data che ha frustrato molti giocatori.

Il nuovo sistema eliminerà i giocatori che barano in Call of Duty: Warzone entro la fine dell’anno e debutterà con Call of Duty: Vanguard, il nuovo gioco premium in arrivo su più piattaforme il 5 novembre. Activision, la cui società madre Activision Blizzard è stata citato in giudizio per avere una sua presunta cultura tossica, ha affermato nel suo annuncio che barare in Call of Duty è frustrante per i giocatori, gli sviluppatori e l’intero
Comunità.

Il team anti-cheat ha fatto grandi passi avanti nella lotta a questo problema persistente che colpisce così tanti, ma la società ha affermato che sa che bisogna fare di più. Ricochet è supportato da un team di professionisti dedicati focalizzati sulla lotta contro il gioco sleale.

L’iniziativa anti-cheat Ricochet è un approccio multiforme per combattere gli imbrogli, con nuovi strumenti lato server che monitorano l’analisi per identificare gli imbrogli, processi di indagine avanzati per eliminare gli imbroglioni, aggiornamenti per rafforzare la sicurezza dell’account e altro ancora. Le funzionalità di sicurezza anti-cheat del back-end di Ricochet verranno lanciate insieme a Call of Duty: Vanguard e entro la fine dell’anno con l’aggiornamento Pacific in arrivo su Call of Duty: Warzone.

Seminario web

Tre dei migliori professionisti degli investimenti si aprono su ciò che serve per finanziare il tuo videogioco.

Guarda su richiesta

Oltre ai miglioramenti del server in arrivo con Ricochet, c’è un nuovo driver a livello di kernel per PC, sviluppato internamente per il franchise di Call of Duty e lanciato prima per Call of Duty: Warzone. Questo driver aiuterà nell’identificazione degli imbroglioni, rafforzando e rafforzando la sicurezza complessiva del server. Il driver a livello di kernel verrà lanciato insieme all’aggiornamento Pacific per Warzone entro la fine dell’anno.

Sopra: immersioni su quella che sarà poi la diga nel 1984 a Verdansk a Warzone.

Credito immagine: Activision

Mentre il driver del kernel, che è solo una parte di Ricochet Anti-Cheat, verrà rilasciato su PC, per estensione, anche i giocatori su console che giocano tramite cross-play contro giocatori su PC ne trarranno beneficio. Il driver a livello di kernel verrà successivamente rilasciato per Call of Duty: Vanguard in un secondo momento.

I driver a livello di kernel sono stati controverso. Il kernel è il livello più alto nel sistema operativo Windows e accedervi è una cosa seria. Gli esperti di Riot Games ne hanno parlato nel nostro recente webinar con Irdeto di Denuvo. (Discuteremo questi argomenti e altro in un panel con la società di sicurezza Irdeto by Denuvo al nostro evento online GamesBeat Summit Next il 9-10 novembre.)

Affidare a uno sviluppatore l’accesso al kernel la dice lunga, dal momento che anche un piccolo errore nel codice a quel livello potrebbe danneggiare un sistema. Ma i driver a livello di kernel hanno un alto livello di accesso per monitorare e gestire software e applicazioni su un PC, come il driver della scheda grafica del PC. L’elemento driver del sistema Ricochet Anti-Cheat controllerà il software e le applicazioni che tentano di interagire e manipolare Call of Duty: Warzone, fornendo al team di sicurezza generale più dati per rafforzare la sicurezza. Una volta distribuito il driver a livello di kernel; sarà necessario per giocare a Warzone.

Anche i cattivi attori vorrebbero avere accesso al kernel, in quanto potrebbero usarlo per spiare gli utenti. Ma dare accesso alla protezione a livello di kernel significa che uno sviluppatore può vietare un giocatore che bara e quindi impedire a quel giocatore di creare semplicemente un nuovo account e barare di nuovo. Questa è stata la maledizione di Warzone, dove gli sviluppatori hanno bandito centinaia di migliaia di giocatori. Ho visto un certo numero di persone abbandonare il gioco a causa dei dilaganti imbrogli.

Wraith è un nuovo operatore della terza stagione di Call of Duty.

Sopra: Wraith è un nuovo operatore nella terza stagione di Call of Duty.

Credito immagine: Activision

Lo so perché mi è capitato di essere accoppiato con un imbroglione in una partita di Warzone. Poteva vedere chiaramente dove si trovavano i nemici, anche se si nascondevano dietro i muri, e ha collezionato 61 uccisioni (su un totale di circa 150 giocatori umani nella partita) nel round. L’ho denunciato ed è stato bannato. Ma immagino che nulla avrebbe potuto impedirgli di accedere nuovamente da un altro account. È qui che entra in gioco questa protezione a livello di kernel. In alcuni replay, i giocatori hanno mostrato come un altro giocatore continua a fare incredibili colpi alla testa ogni volta o vede attraverso i muri e spara a giocatori che non dovrebbero essere visibili.

Activision ha affermato che il driver a livello di kernel non è sempre attivo. Si accende quando avvii Call of Duty: Warzone e si spegne quando chiudi il gioco. Avvisa il team quando rileva un comportamento sospetto. Inoltre, il driver a livello di kernel monitora e segnala solo l’attività relativa a Call of Duty. Devi fidarti di Activision su questo, e data la loro storia e le loro dimensioni direi che sono disposto a farlo.

Activision ha affermato che anche i giocatori sono una parte fondamentale per fermare gli imbrogli. Ha detto di continuare a segnalare problemi nel gioco, consentendo al team di sicurezza di adattare tutti gli strumenti per combattere gli imbroglioni. Sono stati eseguiti test per il nuovo driver per garantire la stabilità del sistema su un’ampia gamma di PC.

Un altro livello nella battaglia contro gli imbroglioni è l’uso in continua evoluzione dell’apprendimento automatico (ML). Gli algoritmi ML esaminano i dati di gioco dal server, aiutando a identificare tendenze di comportamento sospette e ad aggiungere un altro livello di sicurezza come parte dell’iniziativa generale Ricochet.

Activision consiglia ai giocatori di proteggere i propri account con l’autenticazione a due fattori, in cui è possibile utilizzare qualcosa come messaggi di testo sul telefono per verificare un accesso sul PC. La società ha affermato che terrà tutti informati su come funziona nel perseguimento del fair play.

GiochiBeat

Il credo di GamesBeat quando copre l’industria dei giochi è “dove la passione incontra il business”. Cosa significa questo? Vogliamo dirti quanto le notizie siano importanti per te, non solo come decisore in uno studio di gioco, ma anche come fan dei giochi. Sia che tu legga i nostri articoli, ascolti i nostri podcast o guardi i nostri video, GamesBeat ti aiuterà a conoscere il settore e a divertirti a interagire con esso.

Come lo farai? L’iscrizione include l’accesso a:

  • Newsletter, come DeanBeat
  • I relatori meravigliosi, educativi e divertenti dei nostri eventi
  • Opportunità di networking
  • Interviste, chat ed eventi “open office” riservati ai soli membri con lo staff di GamesBeat
  • Chatta con i membri della community, lo staff di GamesBeat e altri ospiti nel nostro Discord
  • E forse anche un divertente premio o due
  • Presentazioni a feste che la pensano allo stesso modo

Diventare socio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *